IlMioMondoSecondoMe

I miei interessi da condividere con Voi

Segnalaci sui Social

Pasta fatta in casa con trafila in bronzo Spaghetti quadri della Kenwood

spaghquadri05wtmk

Ricetta Pasta fatta in casa

Ingredienti:

100 gr di farina rimacinata di semola di grano duro
400 gr di farina 00
200 gr di acqua

Preparazione:

Pesare le 2 farine e inserirle nell’impastatore (noi abbiamo un Kenwood Major Titanium KMM023), montare la frusta K e amalgamare le 2 farine per qualche secondo affinché siano ben mescolate.
Azionare l’impastatore a velocità minima ed inserire l’acqua a filo, in modo che si generi un composto grumoso e non troppo umido, come nella foto:

spaghquadri01wtmk

(aggiustate con una leggera quantità di farina nel caso sia troppo umido o con un filo d’acqua sia troppo secco)

Aprire l’impastatore e staccare la pasta dalla frusta ed eventualmente dal recipiente, riprendere poi per circa un minuto modulando la velocità da 1 a 3.

Asportare il contenitore e montare l’accessorio torchio per la pasta con la trafila che desiderate, nel nostro caso la trafila di bronzo degli spaghetti quadri, prendete un po’ di impasto e mettetelo sul vassoio del torchio e, man mano, lentamente, inserite l’impasto nell’incavo in modo da intravedere l’elica. Noi abbiamo impostato la velocità 2.

spaghquadri03wtmkspaghquadri02wtmk

spaghquadri04wtmk

All’inizio ci vorrà un po’ prima che si intravedano gli spaghetti, l’elica non è immediata a comprimere (come tutte le cose buone ci vuole tempo), poi attendete e tagliate alla lunghezza desiderata, fate essiccare per un’oretta e pronti per cucinare con il condimento che più vi garba.

Noi li abbiamo testati con un’ottimo ragù alla bolognese (prossimamente inseriremo la nostra ricetta) fatto in casa, superlativi!

Spaghetti quadri al ragù bolognese

Consigli:

– una volta preparato l’impasto lasciatelo riposare almeno 30 minuti in modo che questo possa creare fuoriuscendo dalla trafila uno spaghetto senza “grinze”, come è successo a noi la prima volta (lo potete notare nelle immagini, gli ultimi fatti sono quelli che più rispecchiano quello che uno si attende, perché l’impasto era più secco).

– non abbiate fretta nell’inserire nel torchio l’impasto, ma fate sì che il vostro flusso sia costante.

Se avete domande o volete commentare, noi siamo qui… 😀

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply